1 / 9
2 / 9
3 / 9
4 / 9
5 / 9
6 / 9
7 / 9
8 / 9
9 / 9
 


Richieste di “CONCESSIONI” / “AUTORIZZAZIONI” IDRAULICHE PER L'ATTRAVERSAMENTO / PARALLELISMO CON SERVIZI DI UN CANALE




DOCUMENTI CHE COMPONGONO LA DOMANDA:

Alla domanda dovranno essere allegate 4 copie di tutta la documentazione sottodescritta: 1 copia protocollata sarà restituita al richiedente in sede di ritiro dell'autorizzazione/concessione; 1 copia sarà inoltrata dal Consorzio al Comune di competenza.

La mancanza anche di uno solo dei documenti sopra elencati è causa di rifiuto della pratica.

E' preferibile, per quanto possibile, che tutti gli elementi grafici siano riprodotti su un unica tavola. I disegni dovranno essere assolutamente attinenti; non dovranno quindi essere presentati disegni riguardanti aspetti architettonici del progetto completo e potranno essere motivatamente richieste ulteriori copie su supporto informatico in ragione alle necessità istruttorie.

  • Relazione di accompagnamento che illustri lo stato dei luoghi e i nuovi manufatti e la quantificazione dell’area demaniale interessata e soggetta a canone.
  • Elaborato grafico in tavola unica contenente:
  • Pianta e sezioni quotate, in scala adeguata, del canale con l’interferenza dei sottoservizi.
  • Estratto catastale di mappa 1:2.000.
  • Corografia CTR 1:5.000 (nome elemento) della zona in scala.
  • Corografia IGM 1:25.000.
  • Documentazione fotografica.
  • Copia attestazione versamento oneri di istruttoria sul c.c.p. n. 17864356, intestato al “Consorzio di bonifica Brenta - Servizio di Tesoreria”, mediante bollettino postale.
  • Deposito cauzionale per le concessioni che determinano occupazione di aree demaniali costituenti alveo di corsi d’acqua (a discrezione del Consorzio), anche a mezzo di polizza fidejussoria a garanzia della corretta esecuzione dei lavori.
.

E’ sufficiente che sia bollata una copia della domanda e suoi allegati.

Dovrà inoltre essere allegata una marca da  bollo da € 16,00 da applicare sull’originale della concessione o autorizzazione rilasciata.

Per le autorizzazioni di interventi ed opere riguardanti corsi d’acqua non demaniali e quindi con sedime in proprietà privata non verrà applicata alcuna marca da bollo.

 

Condizioni tecniche da applicare nella progettazione ed esecuzione di attraversamenti e parallelismi di servizi in genere:

    • Per gli attraversamenti aerei, dovranno essere utilizzati in via prioritaria i manufatti di attraversamento già esistenti senza occupazione della luce di deflusso; diversamente, dovranno essere posti ad una quota tale da non interferire con i livelli idrometrici di piena e dovranno consentire, con i livelli idrometrici di magra, il passaggio delle barche diserbatrici consorziali qualora il corso d’acqua lo consenta. (Altezza fuori acqua metri 1,50).  Nel caso di attraversamenti con impianti elettrici MT/BT, l’opera sarà realizzata secondo la normativa di legge vigente in materia e quindi il franco minimo sull’opera attraversata sarà quello previsto dalla normativa e verrà indicato negli elaborati presenti con una linea tratteggiata compresa tra il conduttore e l’opera.   Il Consorzio si riserva, per motivate esigenze, di prescrivere un’altezza minima sull’opera attraversata maggiore di quella prevista dalla normativa e che sarà prescritta nelle condizioni di concessioni o autorizzazione.
    • Per gli attraversamenti in sub alveo, la quota di posa dovrà essere tale da consentire l’abbassamento di 1 metro dal fondo alveo; tale misura potrà essere ridotta sulla base di un accurato rilievo della livelletta di fondo (profilo longitudinale) e congiuntamente alla realizzazione di una soletta in c.a. dello spessore minimo di 15 cm, conservando comunque uno spazio utile di 50 cm.
    • Qualora in futuro, a seguito dell’esecuzione di nuove opere di bonifica e/o lavori di manutenzione straordinaria del canale da parte del Consorzio, si rendesse necessario apportare delle modifiche e/o lo spostamento dell’opera in argomento, ciò dovrà essere fatto a cura e spese del richiedente.
    • Tutti gli attraversamenti in subalveo dovranno essere opportunamente segnalati in sito con indicazione delle caratteristiche dell’attraversamento.
    • I parallelismi di servizi dovranno distare almeno a 1 ÷ 1,50 metri dal ciglio canale; la profondità dello scavo dovrà essere ridotta al minimo indispensabile, compatibilmente col carico dovuto al transito dei mezzi d’opera addetti alle manutenzioni del canale; nel caso di parallelismi di servizi lungo corsi d'acqua classificati di 3^ categoria, questi dovranno distare almeno 4 metri dal piede dell'argine e non dovranno essere più profondi di 60 cm. dal piano campagna.

Nel caso il corso d’acqua insista su area demaniale, la concessione sarà assoggettata ad un canone annuo del demanio idrico rapportato alla superficie demaniale occupata e alle tariffe previste nella D.G.R.V. n. 1997 del 25.06.2004.

     
Consorzio di bonifica Brenta
Riva IV novembre, 15 - 35013 Cittadella (PD) - Tel. 049/5970822 - Fax 049/5970859 - E-mail: info@consorziobrenta.it - Posta certificata: consorziobrenta@legalmail.it